Eurolega, venerdì scattano le Final Four

In campo Real Madrid, CSKA, Olympiacos e Fenerbahce

0 condivisioni 0 commenti

Share

Le 4 protagoniste dell'atto conclusivo dell'Eurolega arrivano a Madrid con numeri diversi alle spalle, ma con la stessa fame di vittoria. Quella di quest'anno sarà la Final Four più vista di sempre. L'Eurolega è un prodotto che funziona e anche quest'anno sono cresciuti sia gli introiti economici che il numero medio di spettatori.

Il Real gioca in casa, alla ricerca di un titolo che manca da 20 anni esatti. La squadra di Laso ha affrontato una serie durissima nei quarti contro l'Efes, regolato 3-1 non senza difficoltà. I blancos, ko nelle ultime due finali contro Olympiacos e Maccabi, sanno di non poter fallire. Reggeranno tutta questa pressione? Diciamo di sì, perchè l'esperienza e la classe di gente come Rodriguez, Fernandez, Llull e Reyes è sinonimo di garanzia. Il nucleo spagnolo resta la carta vincente da spendere in una tre giorni di fuoco. 

In semifinale il Real affronterà il Fenerbahce di Obradovic, lo specialista della competizione con 8 titoli in bacheca (con 4 squadre diverse). I turchi sono alla prima apparizione nelle Final Four, ma hanno un roster profondo, fisico e anche di qualità, con Bjelica inserito nel primo quintetto, Bogdanovic confermato miglior giovane della competizione per il secondo anno di fila e Goudelock capace di avere 20 punti nella mani a serata. In più hanno eliminato il Maccabi 3-0. Sarà una semifinale stellare.

Il Cska, solo sulla carta, sembra avere qualche chance in più nell'altra semifinale contro l'Olympiacos. I motivi? Molteplici. I russi hanno il roster più lungo e forte dell'Eurolega, hanno vinto 25 partite su 28, hanno il miglior attacco (87,8 punti a serata), il miglior assist-man (Teodosic con 7 a gara) e hanno riportato a casa Andrei Kirilenko, determinante nella serie contro il Panathinaikos con i suoi punti, la sua leadership e soprattutto la sua difesa. Però...però dall'altra parte c'è l'Olympiacos. Prima squadra a battere quest'anno il Cska, miglior difesa con 71 punti concessi a partita, vincitrice nella finale del 2012 contro il Cska col canestro quasi sulla sirena di Printezis e trascinata anche quest'anno da Spanoulis, che non hai perso una F4 in carriera. Insomma, la classica squadra rognosa, che non molla mai ed è abituata a questi palcoscenici. In più anche l'anno scorso l'armata russa sembrava strafavorita contro il Maccabi in semifinale. Sappiamo come è finita.

Sul piatto abbiamo la F4 più spettacolare dei 15 anni di storia dell'Euroleague. Godiamocela...

di Luca Gregorio

Share

Commenta

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.