Fenerbache-EA7 Milano 98-77

L’Olimpia perde Istanbul, ma il risultato non rende onore a Gentile e compagni, che hanno lottato alla pari: ora bisogna vincerle tutte

0 condivisioni 0 commenti

Share

• Secondo e terzo quarto favorevoli a Milano, il Fenerbahce scappa alla fine

• EA7 addirittura sul +3 in chiusura del primo tempo

• Per passare l’Olimpia deve vincere tutte e 3 le sfide rimaste

Vicina, molto vicina all’impresa, l’Olimpia torna da Istanbul con una sconfitta che non decide il suo futuro in Europa ma la costringe a vincere tutte e tre le partite che le rimangono per sperare nei playoff. Milano sceglie il quintetto difensivo con Cerella mastino designato ma è in attacco che l’Olimpia non trova soddisfazione. Con il Fenerbahce a costruire facili canestri da ogni posizione del campo Gentile e compagni vanno subito sotto: il primo canestro milanese arriva dopo quasi 5 minuti ma non è sufficiente per mantenere il contatto con i turchi che si affidano al talento di Bjelica e Bogdanovic per tirare un’altra spallata e chiudere il primo periodo a +8. 

Nel secondo quarto l’EA7 cambia faccia: Gentile e Brooks segnano la via in attacco ma soprattutto in difesa, il Fener rimane sorpreso e su un’affondata del capitano milanese la partita si riapre improvvisamente. Illusione che dura solo un paio di minuti, Obradovic è allenatore troppo esperto per scomporsi: per il break chiama a raccolta i suoi lunghi che non lo deludono ma Milano ancora ha energia e con Hackett e un Brooks sempre piu’ leader offensivo prima si rimette in scia e poi va addirittura avanti con un Elegar sorprendente e un Brooks chirurgico andando al riposo con 3 punti di vantaggio. Nella ripresa Milano ricomincia da dove aveva lasciato con Brooks sempre più immarcabile, il Fener resiste con le invenzioni di Hickman ma le triple milanesi tengono l’EA7 in partita fino alla chiusura del terzo quarto quando il Fenerbahce con Preldzic trova il canestro del +4.

Ultimo periodo decisivo:  il parziale turco si allunga con le triple di Bjelica e Bogdanovic e questa volta l’Olimpia sembra non avere più energie, Vesely vola sopra le teste milanesi e la partita scappa via quando il Fener trasforma un recupero difensivo con un facile canestro da sotto di Preldzic che ha il sapore della vittoria. Finisce 98-77 per il Fener, uno scarto troppo crudele per una squadra che ha lottato alla pari coi primi fin quasi alla sirena finale.

di Pietro Colnago

Share

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.