Di Canio: "Sunderland allo sbando, è un'indecenza"

Paolo Di Canio, che conosce bene l'ambiente dello Stadium of Light, in studio a Fox Sports ha analizzato la situazione della squadra di Poyet

0 condivisioni 0 commenti

Share

• Il Sunderland ha perso 4-0 in casa con l'Aston Villa

• I Black Cats sono a un punto dalla zona retrocessione

• Dopo lo 0-3 (al 37') molti tifosi hanno lasciato lo stadio

Con me non è mai successo che i tifosi lasciassero lo stadio in anticipo nonostante i problemi che anche sotto la mia gestione ci sono stati. Non è mai successo perché c'era dignità nei comportamenti e i tifosi lo capivano.  In questo caso non lo so, ma di certo la squadra è allo sbando ed è normale che sia così. Non è colpa dei tifosi, che sono fantastici, sono sempre in 45.000 ad ogni partita. Non accettano, come tutte le tifoserie, che si oltrepassi il limite della decenza e si calpesti la maglia. 

Non parlo di chi mi ha succeduto su quella panchina, Poyet, perché i problemi nascono dall'alto, dal presidente Ellis Short. Io ho salvato il Sunderland quando era in caduta libera: io e il mio staff abbiamo compiuto un vero e proprio miracolo, in campo ma anche nello spirito. Abbiamo provato a cambiare la filosofia di un gruppo dove in due anni, nonostante tutto quello che succedeva (con giocatori ubriachi o a fare baldoria fino a tardi a pochi giorni di una partita), non era mai stata comminata una multa per indisciplina. Io davo multe anche per cinque minuti di ritardo: perché è una questione di rispetto nei confronti di tutti, serve per mantenere l'ordine nello spogliatoio. Mi sono preso tutte le responsabilità, ma il mio progetto è stato subito interrotto.

L’indecenza adesso è davanti agli occhi di tutti e i tifosi non sono contenti. Ma ripeto, le scelte vengono dall'alto. Quando c'ero io il mercato era in mano a due dirigenti che hanno preso 16 giocatori. Sedici giocatori non validi perché in un anno sono spariti tutti e pure i due dirigenti sono stati cacciati, ovviamente. Questo mercato l'ha fatto Poyet: i giocatori sono tutti suoi, ma è il presidente che prende le decisioni, che dà fiducia o non dà fiducia, che fa le scelte.

Non voglio imputare nulla a Poyet, ma se non multi un giocatore perché hai paura, poi arrivano il problemi. Come quando dai il potere a dei giocatori (per di più scarsi, perché l'anno scorso si sono salvati all'ultima giornata e quest'anno è la stessa storia). Se dai potere a una squadra che non ti dà certezze, una squadra che perennemente piuttosto di conquistare dei meriti sul campo preferisce sperare che ce ne siano 3 peggiori…

Questo è un dato di fatto, è lo stato delle cose  e i risultati lo dimostrano”.

di Redazione Fox Sports

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.