Man Utd: dallo Swansea allo Swansea non è cambiato nulla

Sconfitto 2-1 alla prima giornata, sconfitto 2-1 anche sabato, van Gaal è ancora in cerca del suo United

0 condivisioni 0 commenti 0 stelle

Share

A guardare solo il finale, nessuna differenza. Il risultato sul tabellone e l'inquadratura subito dopo sulla faccia di van Gaal, gli stessi numeri, 2-1, e la stessa espressione infelice di 6 mesi fa. Dallo Swansea allo Swansea sono cambiate tante cose ed è rimasto tutto uguale.

Eppure i presupposti erano diversi. A partire dagli uomini in campo, cambiati anche quelli per 7/11esimi rispetto alla partita d'andata. Dalla prima all'ultima di van Gaal solo 4 survivors: Rooney, Jones, De Gea ed Herrera. Cambiato anche il modulo, la linea difensiva passa da 3 a 4. Ma un uomo in più non regala un'incertezza in meno. Ecco allora che proprio la difesa resta il più grande dilemma del manager olandese, che quest'anno l'ha cambiata 16 volte senza mai trovare l'equilibrio giusto. Come uno chef che cerca di livellare i sapori senza successo. Il piatto è servito nei primi 10 minuti: due corner per lo Swansea e 2 volte Gomis, unica punta degli Swans, che colpisce da solo in area. Debolezze di una squadra che ha subito il 40% dei suoi gol su calci piazzati.

Cambiare, però, è la parola chiave. Forse in maniera eccessiva. Per questo in Inghilterra van Gaal l'hanno definito un Tinkerman, che una traduzione italiana non ce l'ha ma un senso sì: colui che sposta uomini come fossero giocattoli. Giocattoli che non riescono a trovare un gioco.

Dallo Swansea allo Swansea van Gaal ha usato 31 giocatori. Rooney torna in attacco, quando invece è stato dirottato quasi in maniera fissa a centrocampo. E in attacco il capitano dei Red Devils tira in porta per la prima volta nel 2015, 460 minuti dopo l'ultima. Segnali, chiari, di una squadra che non riesce a fare il salto. Contro i cigni poteva essere il momento giusto per imparare a volare. Invece cambia la storia ma non il finale. Segna KI, come all'andata, e van Gaal cerca ancora di capire COSA sia il suo United.

di Gianluigi Bagnulo

Share

Vota

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.