Ecco chi sono gli hooligans del Feyenoord

A Roma è stata serata di scontri tra forze dell'ordine e tifosi olandesi arrivati per seguire la squadra in Europa League

0 condivisioni 0 commenti

Share

A Campo de' Fiori sono sbocciate pietre. O meglio tornate, ancora una volta. Lanciate. Hooligans nella Capitale, stavolta provenienti dall’Olanda. È stato un mercoledì notte di scontri a Roma, tra polizia e tifosi del Feyenoord ubriachi, di bottiglie rotte e 23 arresti. A terra, mischiata alla birra e ai pezzi di vetro, resta il morale, basso. Gli hooligans sono tornati.

Proviamo però a raccontare chi sono quelli del Feyenoord, folli sbevazzoni tatuati, carta conosciuta, tanto che a Roma l’allarme di allerta massima era stato già diffuso nei giorni scorsi. Erano già stati protagonisti in negativo due volte in questa Europa League, a luglio contro il Besiktas, poi ad ottobre contro il Rijeka quando bloccarono dentro un pub i tifosi della squadra croata e iniziarono a tirar contro di loro bottiglie precedentemente svuotate del loro contenuto alcolico in corpo, forse la vera costante degli hooligans di Rotterdam, quasi un marchio di fabbrica. Violenza e alcolismo.

E così via, anche in passato. Il numero più alto di scontri nella storia è ovviamente contro i rivali storici dell’Ajax. Tanti, troppi precedenti, uno diventato purtroppo famoso. È stata definita la “battaglia di Beverwijk”, marzo 1997. Hooligans di Ajax e Feyenoord si diedero appuntamento su un’autostrada chiusa per lavori, l’A9. Coltelli, martelli, mazze da baseball, circa 200 uomini per parte, poi la guerra, vera e propria. Il risultato finale fu la morte di Carlo Picornie, hooligan dell’Ajax. Finì tutto lì, esattamente come nel film Hooligans, nello scontro tra tifosi del West Ham e del Millwall. Finì tutto lì perché in questo assurdo mondo di pseudo-tifosi ci si ferma solo davanti alla morte, quando ormai è troppo tardi. E i fiori servono soltanto per ricordare.

di Gianluigi Bagnulo

Share

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.