Sherwood nuovo manager dell'Aston Villa: la sua carriera in 3 punti

Dopo l'esonero di Paul Lambert, il club di Birmingham ha ufficializzato il nuovo allenatore

0 condivisioni 0 commenti

Share

• Contratto fino al 2018 per l'ex manager del Tottenham

• Ora il Villa ha 2 manager sotto contratto fino al 2018 (Lambert aveva rinnovato a settembre)

• Sherwood era stato accostato a numerose panchine, come Newcastle e QPR

Mercoledì sera l'Aston Villa ha esonerato lo scozzese Paul Lambert dopo 10 partite senza vittorie, che hanno lasciato i Villans al terzultimo posto in classifica. Oggi è arrivata l'ufficialità del nuovo manager: Tim Sherwood, con contratto fino al 2018.

Sherwood da manager

La sua prima e unica esperienza da manager è stata alla guida del Tottenham quando, dopo l'esonero di Villas-Boas, è stato nominato manager ad interim prima di ricevere l'incarico ufficiale in seguito a una vittoria per 3-2 sul Southampton, il 23 dicembre 2013. Sherwood ha condotto gli Spurs al sesto posto a quota 69, sfiorando il record del club (72 punti), con la miglior percentuale di vittorie in Premier League: 59,1% di vittorie davanti a Villas-Boas (53,7), Redknapp (49,3) e Jol (41,6). La mancata qualificazione in Champions League e i 10 punti di distacco dall'Arsenal quarto, però, gli sono costati la panchina. Ecco la sua carriera riassunta in tre punti:

Sherwood da allenatore (non di prima squadra)

Prima di diventare manager del Tottenham, Sherwood ha lavorato cinque anni come allenatore delle giovanili (dal 2008, quando è approdato a Londra come first team coach per poi assumere gli incarichi di technical co-ordinator e head of football development).

Sherwood da giocatore

In campo Sherwood è stato un leader, capitano del Blackburn che vinse la Premier nella stagione 1994-95, guadagnandosi un posto nel PFA Team of the Year. Ha iniziato la sua carriera al Watford prima di spostarsi al Norwich: nel 1992 Kenny Dalglish lo ha portato ai Rovers, dove ha conquistato un secondo posto e un titolo, come già detto. Leggenda di Ewood Park, nel 1999 si è trasferito al Tottenham, prima di esordire in nazionale all'età di 30 anni sotto Kevin Keegan. In totale ha collezionato solo 3 presenze con la maglia dell'Inghilterra, ma con gli Spurs nel 2002 è arrivato in finale di League Cup, salvo perderla proprio contro il Blackburn. Ha lasciato il Tottenham l'anno dopo per andare a conquistare una promozione con il Portsmouth, prima di rompersi una gamba contro gli Spurs e chiudere la sua carriera da giocatore al Coventry.

di Redazione Fox Sports

Share

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.