Sherwood nuovo manager dell'Aston Villa: la sua carriera in 3 punti

Dopo l'esonero di Paul Lambert, il club di Birmingham ha ufficializzato il nuovo allenatore

0 condivisioni 0 commenti

Share

• Contratto fino al 2018 per l'ex manager del Tottenham

• Ora il Villa ha 2 manager sotto contratto fino al 2018 (Lambert aveva rinnovato a settembre)

• Sherwood era stato accostato a numerose panchine, come Newcastle e QPR

Mercoledì sera l'Aston Villa ha esonerato lo scozzese Paul Lambert dopo 10 partite senza vittorie, che hanno lasciato i Villans al terzultimo posto in classifica. Oggi è arrivata l'ufficialità del nuovo manager: Tim Sherwood, con contratto fino al 2018.

Sherwood da manager

La sua prima e unica esperienza da manager è stata alla guida del Tottenham quando, dopo l'esonero di Villas-Boas, è stato nominato manager ad interim prima di ricevere l'incarico ufficiale in seguito a una vittoria per 3-2 sul Southampton, il 23 dicembre 2013. Sherwood ha condotto gli Spurs al sesto posto a quota 69, sfiorando il record del club (72 punti), con la miglior percentuale di vittorie in Premier League: 59,1% di vittorie davanti a Villas-Boas (53,7), Redknapp (49,3) e Jol (41,6). La mancata qualificazione in Champions League e i 10 punti di distacco dall'Arsenal quarto, però, gli sono costati la panchina. Ecco la sua carriera riassunta in tre punti:

Sherwood da allenatore (non di prima squadra)

Prima di diventare manager del Tottenham, Sherwood ha lavorato cinque anni come allenatore delle giovanili (dal 2008, quando è approdato a Londra come first team coach per poi assumere gli incarichi di technical co-ordinator e head of football development).

Sherwood da giocatore

In campo Sherwood è stato un leader, capitano del Blackburn che vinse la Premier nella stagione 1994-95, guadagnandosi un posto nel PFA Team of the Year. Ha iniziato la sua carriera al Watford prima di spostarsi al Norwich: nel 1992 Kenny Dalglish lo ha portato ai Rovers, dove ha conquistato un secondo posto e un titolo, come già detto. Leggenda di Ewood Park, nel 1999 si è trasferito al Tottenham, prima di esordire in nazionale all'età di 30 anni sotto Kevin Keegan. In totale ha collezionato solo 3 presenze con la maglia dell'Inghilterra, ma con gli Spurs nel 2002 è arrivato in finale di League Cup, salvo perderla proprio contro il Blackburn. Ha lasciato il Tottenham l'anno dopo per andare a conquistare una promozione con il Portsmouth, prima di rompersi una gamba contro gli Spurs e chiudere la sua carriera da giocatore al Coventry.

di Redazione Fox Sports

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.