La crisi dell'Everton in cinque punti

Dopo lo 0-0 contro il West Brom abbiamo chiesto a Paolo Ciarravano di spiegarci i motivi del periodo nero dei blues di Liverpool

0 condivisioni 0 commenti

Share

• L’Everton ha pareggiato 0-0 nel Monday Night contro il West Brom

• 1 vittoria nelle ultime 13 in tutte le competizioni, 2 punti e 4 sconfitte nelle ultime 6 di campionato

Dopo la pausa forzata per la FA Cup, i Toffees affronteranno Palace (trasferta), Liverpool (casa) e Chelsea (trasferta)

Triplice fischio di Michael Oliver, 0-0 tra Everton e West Brom: dagli spalti di Goodison Park si abbatte una pioggia di fischi  su Roberto Martinez e i suoi uomini dopo l’ennesima prova deludente dell'Everton. I Toffees, sono la squadra che sta maggiormente deludendo in tutta la Premier League (un anno fa a quest'ora avevano 19 punti in più). Paolo Ciarravano, che ha commentato la partita, ci spiega cosa sta succedendo.

Premessa ‘numerica’

Prima di tutti i numeri, parametro oggettivo per descrivere il momento negativo dei blues di Liverpool. Due punti e quattro sconfitte nelle ultime sei di campionato, una vittoria su tredici allungando il conto. Nel 2013/2014 l'Everton era una delle squadre con più qualità del campionato, almeno fino alla vittoria con l'Arsenal e il quinto posto a fine anno con una carezza alla Champions League.

Colpa di Lukaku?

Sicuramente mancano i gol: Lukaku sta deludendo in quella che doveva essere la sua stagione dopo l'acquisto a titolo definitivo. Non si prodiga nei consueti movimenti offensivi che l'hanno sempre caratterizzato, non viene incontro ai compagni, non crea spazi per gli incursori.

Cosa sta sbagliando Martinez? Gli uomini sono gli stessi...

Anche il gentleman inglese dal sangue catalano Martinez sembra disorientato. Severa la punizione per il gesto di ubris di Mirallas, sostituito all'intervallo dopo aver sbagliato il rigore al 44'. Lasciate perdere la vocina stridula in questo video-montaggio, ma il labiale del manager dell'Everton è chiaro.

Gli uomini son gli stessi dell'anno scorso, è vero. Com'è vero anche che in un momento in cui tutto va storto è normale provare a cambiare: ma inserire Oviedo per il belga in una partita che devi vincere, forse non è la mossa migliore.

Chi lo doveva calciare quel rigore?

In un quadro desolante l'unica nota luminosa in realtà è Kevin Mirallas: anche ieri sera, nonostante il rigore preteso e sbagliato, è stato l'unico a provarci. L'episodio del penalty ha riportato alla luce un problema storico dei Toffees, che non hanno mai avuto giocatori di grande personalità: il rigorista, nonché capitano, è Baines. Stava a lui imporsi e assumersi le responsabilità.

Prospettive per l’immediato futuro?

L’Everton ha le qualità per risollevarsi, ma il calendario potrebbe non aiutare. Eliminato dalla FA Cup, la squadra avrà due salutari settimane in cui pensare solo a se stessa, poi Crystal Palace a Selhurst Park (dopo Pulis ci sarà Pardew, reduce da un tre su tre in tutte le competizioni sulla nuova panchina degli Eagles), poi il derby con il Liverpool in casa e il Chelsea a Londra.

di Redazione Fox Sports

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.