Una crepa che spacca il Barça

Dopo gli addii di Zubizarreta e Puyol, è divorzio totale tra Messi e Luis Enrique: cosa succede a Barcellona?

0 condivisioni 0 commenti

Share

Una crepa, che parte direttamente dal centro e fa tremare i muri di casa Barcellona. Dopo gli addii di Zubizarreta e Puyol, la crisi tra Messi e Luis Enrique getta nel panico il mondo Blaugrana.

Il divorzio tra l’argentino e il suo allenatore adesso pare totale. Lo testimonia il fatto che ieri Messi non si è presentato all’allenamento con il resto della squadra. Un’assenza che fa rumore, considerato che si trattava della classica sessione d’allenamento natalizia a porte aperte e che ospita ogni anno molti ragazzini curiosi di vedere da vicino i propri campioni.

Il motivo di questo pesante contrasto tra Messi e Luis Enrique è l’esclusione dall’11 titolare che domenica ha affrontato all’Anoeta la Real Sociedad. Il Numero 10 non ha gradito la panchina, lui non la gradisce mai, figurarsi quando la squadra perde.



Ufficialmente ad aver bloccato Messi è stata una gastroenterite. In Spagna non ci crede nessuno. Di fatto questo è lo stesso comunicato emesso dal club ai tempi di Ronaldinho, quando il brasiliano, il giorno dopo una festa, non era in condizioni di allenarsi.  

Ovviamente quello del fenomeno argentino è un “ammutinamento” che pesa come il piombo, un gesto forte con cui Leo vuol far sapere a Luis Enrique la propria arrabbiatura.

Non è la prima volta che Messi prende posizioni di questo genere. Durante l’era Guardiola infatti, accadde un episodio molto simile. Proprio all’Anoeta, l’allenatore spagnolo preferì far partire dalla panchina il suo numero 10, tornato pochi giorni prima da un impegno con la nazionale. Anche in quell’occasione il Barcellona perse e il giorno dopo Messi non si allenò. Da quel giorno, con Guardiola in panchina, La Pulce è sempre partita titolare.

Adesso per Luis Enrique la situazione si fa delicata. Ingoiare un boccone amaro, che passa sopra le classiche gerarchie da spogliatoio, ma che alla lunga può salvarti la panchina o punire Messi per il suo comportamento?

E’ molto probabile che l’allenatore del Barça opti per la prima, innanzitutto considerato il peso di Messi nelle decisioni del club. Fu proprio il numero 10 argentino infatti ad esporsi personalmente con la società per portare il Tata Martino sulla panchina del Camp Nou.

In secondo luogo perché quello di una possibile partenza dell’argentino è uno spettro con cui Luis Enrique non può permettersi di convivere. Sul web ha fatto scalpore la notizia che proprio nella giornata di ieri, Messi abbia iniziato a seguire su Instagram i profili di Chelsea, Filipe Luis e Thibaut Courtois. Sempre sul web, sta avendo successo il video che inquadra la reazione di Neymar e Messi alla rete della Real Sociedad: il brasiliano invita Messi a scaldarsi...




La situazione insomma non è delle più semplici. A Messi e non solo, non piacciono i metodi di allenamento e le scelte dell’ex allenatore della Roma, che troppo spesso decide di fare a meno di alcun titolari importanti. E’ successo a San Sebastian, ma anche con l’Almeria.

Il presidente Bartomeu adesso dovrà sistemare le fondamenta di una società, facendo molta attenzione però c’è una crepa che parte direttamente da Messi.


di Davide Bernardi

 

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.