Torres is back

Lo spagnolo è tornato a casa, da quei tifosi che, ha detto, "mi hanno dato tanto, forse troppo"

0 condivisioni 0 commenti

Share

Questi tifosi mi hanno dato tanto, forse troppo”.

Torres ha parlato così appena atterrato a Madrid, con la franchezza di chi è consapevole di quanto è stato amato.

Per farci un’idea, potremmo proiettare ogni tifoso dell'Atletico dentro quel bambino che incontra Torres per chiedergli una foto; l'emozione - che è irrazionale - è troppo forte. Piange. Non riesce a smettere.

Torres, alla sua età, era già un colchonero; lui è uno di loro, da sempre. A 4 anni il nonno capisce la passione di Fernando, lo veste per la prima volta con quei colori e lo porta al Calderòn.

A 11 anni l’Atletico lo prende e l’anno dopo, in un torneo estivo contro il Milan, dimostra perché gli scout erano così impressionati da lui. Colui che verrà ribattezzato El Niño, per antitesi, sembra un grande che gioca con i piccoli: capisce il gioco diversamente, mostra più determinazionee, quando decide che si comincia a giocare, ha semplicemente un’altra marcia.

A 17 anni esordisce in prima squadra; a 19, con la stessa faccia da bambino, diventa il più giovane capitano nella storia dell’Atletico. Le aspettative su di lui sono altissime. Lui le ripaga così, sfoggiando una personalità inaudita in campo, che cresce con il variare della sua capigliatura: dal viso pulito e le lentiggini, Torres passa alle capigliature più varie, in un periodo in cui la cresta era un distintivo e non uno stereotipo.

Chi lo ha davanti, lo teme. A Madrid lo paragonano a Raul. Il Niño, però, è meno costante, più imprevedibile. Come un fulmine, può colpirti da qualsiasi posizione. Dà gioie a un Atletico molto meno vincente di quello attuale. La chiave era lui, non il gruppo.

Forse per questo è sempre stato celebrato al Calderòn, anche da avversario; lui che non  ha mai esultato contro la sua ex squadra. Ma, più probabilmente, ha ricevuto tutto questo amore perché è stato il più bravo a regalare l'emozione più pura per chi ama il calcio. Il gol.

Di Karim Barnabei

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.