Simeone: "Non dobbiamo piangere"

"Non ho indossato la medaglia perché ce l'avevo con l'arbitro, non si possono dare cinque minuti di recupero come ha fatto Kuypers"

Getty Images

0 condivisioni 0 commenti 0 stelle

Share

Sembra un Diego Simeone senza rimpianti quello che ha commentato la partita dopo la sconfitta nella finale di Champions League, ma è anche un Simeone che ha voluto togliersi qualche sassolino dalla scarpa: "Dopo una partita così, non è il caso di piangere. Abbiamo lasciato tutto in campo, abbiamo dato la vita; ora è il momento di riposare, rilassarsi e restare tranquilli".

La partita - "Nel secondo tempo, il Real Madrid ha giocato meglio di noi, sono arrivati più freschi di noi. La partita finisce quando l'arbitro fischia, non c'è altro da dire", ha dichiarato l'allenatore dell'Atletico Madrid.

Il litigio - "Mi sono arrabbiato con Varane perché dopo il gol del 4-1 è arrivata una pallonata in panchina ed è stata una mancanza di rispetto. Da un ragazzino, a cui manca un po' di esperienza, mi aspetto un comportamento più dignitoso. Perché non ho indossato la medaglia di Platini? Perché ce l'avevo con l'arbitro, non si possono dare cinque minuti di recupero come ha fatto Kuypers".

Share

Vota

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.