Roberto Martinez: gentleman inglese, sangue catalano

Il ritratto del manager dell'Everton, protagonista di un'ottima stagione: quinto in campionato, ma in lotta con l'Arsenal fino alla fine

Getty Images

0 condivisioni 0 commenti 0 stelle

Share

"Mi piace lavorare in squadre che abbiano un sogno da inseguire, il nostro sarà la Champions League". Così si era presentato Roberto Martinez. Gentleman inglese, ma sangue catalano, ha creato il proprio Everton unendo i due diversi stili.

Tutti sanno fare tutto, Baines il capitano terzino studia da centrocampista, il collega Coleman non ha mai segnato tanto, merito proprio di Martinez, che all'intervallo della prima partita, davanti alla tv gli disse: "Sui cross di Baines mettiti qui. Si, qui". Cura di ogni singolo dettaglio. L'allenatore che ha portato il primo e unico trofeo nella storia del Wigan, ha raccontato che nelle sere di Champions guarda e studia sette partite: 3 in contemporanea, quattro registrate.

Visione totale, 360 gradi di attenzione proiettati sulla squadra. Alla fine di ogni allenamento assegna un punto al migliore di giornata, a fine stagione offrirà un premio al primo in classifica. Ambizione e preparazione hanno portato Martinez ed il suo Everton ad un passo dal sogno, ci riproveranno l'anno prossimo. La Champions League è meglio vederla da bordo campo.

Share

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.