Ibrahimović: “Mondiale? Senza di me non ha senso”

L’attaccante svedese parla dopo l’uscita della sua nazionale dal Mondiale, dopo i playoff persi con il Portogallo di Cristiano Ronaldo

Getty Images

0 condivisioni 0 commenti

Share

Che il bomber di Svezia e PSG non fosse il ritratto della modestia lo si sapeva da tempo. Prima della sfida di ritorno ce lo aveva confermato, paragonandosi con un sorriso beffardo a Dio, non esattamente uno qualsiasi insomma. Dopo la sconfitta di ieri, Ibra non ha risparmiato altre dichiarazioni d’amore verso se stesso.

Occasioni – Le parole dette dal capitano della Svezia nel post-partita hanno un sapore amaro, di chi sa di aver perso l’ultima occasione. Non l’ultima occasione di giocare un mondiale, perché è presumibile che nel 2018 la Svezia abbia ancora bisogno di uno come lui. L’ultima occasione di essere protagonista, quello è certo: perché è impensabile che alla soglia dei 37 anni, ammesso che giochi ancora, possa essere decisivo come lo è oggi.

No sense – “Non ha senso un Mondiale senza di me. Non vale la pena nemmeno aspettarlo con ansia”. Queste le prime parole di Ibra dopo la cocente sconfitta. Sconfitta che è arrivata per merito di un Ronaldo straordinario, dopo che Zlatan aveva portato i suoi ad un passo dal sogno. “Complimenti al Portogallo, ma entrambe le nazionali avrebbero meritato il Brasile”.

Share

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.