Brocchi a Football Station: "Passare al Milan la mia fortuna"

"Ci sono rimasto davvero male per come mi hanno trattato all'Inter", ha dichiarato l'ex centrocampista, ospite dell'ultima puntata di Football Station

Getty Images

0 condivisioni 0 commenti

Share

Cristian Brocchi, ex centrocampista di Inter, Milan, Fiorentina e Lazio, oggi allenatore degli Allievi regionali del Milan, è stato ospite di "Football Station", la rubrica settimanale di approfondimento sul calcio internazionale in onda su Fox Sports ogni lunedì dalle ore 20.00 alle ore 21.00.

Milan - "La squadra rossonera sta vivendo un momento difficile, non riesce a mettere in campo quel che Allegri vorrebbe. Il Milan sta lavorando per poter rincorrere la zona Champions. All'interno del gruppo c’è voglia di riscatto, lo so per certo. Allegri merita di rimanere sulla panchina del Milan, soprattutto per quello che ha fatto nella scorsa stagione, quando ha conquistato un'insperata qualificazione in Champions League. A noi allenatori del settore giovanile Adriano Galliani ha parlato di futuro, quindi non ho motivo di pensare a un suo allontanamento dalla società".

Inter - "Quando ho giocato con la squadra nerazzurra non stavo bene, ero reduce da un brutto infortunio e non ho fatto bene. Poi un giorno non ho trovato più il mio nome sull'armadietto dello spogliatoio. Al mio posto c'era quello di Andres Guglielminpietro. Ci sono rimasto davvero male, anche se poi passare al Milan è stata la mia fortuna".

Pirlo - "È uno dei compagni più simpatici con cui abbia mai giocato. Ha la battuta sempre pronta. Era l'unico che riusciva a far diventare matto Rino Gattuso. Ha due o tre modi diversi di calciare le punizioni, così disorienta sempre i portieri".

Paolo Maldini - "Paolo è sempre stato un esempio, un'icona, anche durante gli allenamenti. Non vedo Maldini lontano dal Milan, rappresenta la società anche adesso che non ne fa parte. È l'uomo da cui ho imparato di più".

Nesta - "Ci sentiamo spesso. I nostri bambini sono amici, sempre in contatto. È un ragazzo riservato che non ama i riflettori. Per anni l'ho preso in giro dopo che a Miami era stato fotografato fuori da un locale con un chupa chupa in bocca e i giornalisti americani avevano scritto erroneamente che stava fumando".

Share

Commenta

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.