L’Arsenal sbanca a Dortmund

La rete di Ramsey regala una vittoria insperata agli inglesi, vista la tradizione poco fortunata delle squadre inglesi al Westfalenstadion

Getty Images

0 condivisioni 0 commenti

Share

Serviva un’impresa per ottenere i tre punti sul campo del Borussia Dortmund. Un’impresa mai riuscita alle inglesi in trasferta in quello stadio. Un’impresa che è stata ottenuta grazie al goal del solito Ramsey.

Esplosione – Il ragazzo gallese ha segnato più goal nelle prime 17 gare di questa stagione, che nelle precedenti 180 (presenza più presenza meno). L’incredibile esplosione di Aaron Ramsey passa attraverso undici goal uno più decisivo dell’altro, di cui sei in Premier League e cinque in Champions. Merito del gioco spumeggiante di Wenger, che quest’anno ha trovato una quadratura perfetta, grazie all’intesa tra Özil, Wilshere e lo stesso Ramsey, senza contare l’apporto decisivo dei vari Giroud, Sagna e del rientrante Cazorla. E pensare che tra gli indisponibili ci sono ancora Walcott e un certo Podolski.

Borussia – A Dortmund l’Arsenal ha saputo anche soffrire. Ha retto in difesa, soprattutto nel primo tempo, complice un pizzico di fortuna e un paio di miracoli di Szczęsny, sfruttando cinicamente un goal che sembrava non poter bastare. Il raddoppio è mancato per gli stessi motivi per cui il Borussia non è passato in vantaggio nella prima frazione: fortuna e un paio di miracoli di Weidenfeller.

Girone da impazzire – L’Arsenal e il Napoli guidano il girone a nove, il Borussia è a sei e ovviamente il Marsiglia a zero: il risultato di questa bagarre è che con 12 punti ci si potrebbe dover accontentare dell’Europa League. Per un emozionante quanto logorante intreccio di punti, scontri diretti e differenza reti, al Borussia serve una vittoria contro il Napoli, al quale basta un pareggio in Germania: tutto ciò per essere matematicamente secondi con una giornata d’anticipo. L’Arsenal deve vincere a Marsiglia e se il Borussia vincesse con gli azzurri, dovrebbe evitare la sconfitta al San Paolo, essendo prevedibile una vittoria dei tedeschi al Velodrome. Insomma, conviene mettere da parte i calcoli e concentrarsi sulle gare, perché per nessuna delle tre è ammesso un passo falso.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.