Özil: “La Premier è il campionato più competitivo al mondo”

Il centrocampista dell’Arsenal e della nazionale tedesca ha confermato la sua perfetta integrazione nel gruppo di Wenger, dribblando abilmente le domande sul suo addio

Getty Images

0 condivisioni 0 commenti

Share

Mesut Özil ha lasciato il Real Madrid con qualche polemica, sollevata dal suo ex presidente, a proposito della sua vita privata. Florentino Pérez lo ha accusato di essere un donnaiolo, di non essere un vero professionista, ma Özil preferisce rispondere sul campo, sfoderando prestazioni eccellenti in rapida successione.

No comment – Alla vigilia della gara con la sua nazionale, Özil appare sereno e molto motivato. Il suo modo di essere pacato gli impedisce di alimentare le polemiche: “Ho passato tre anni fantastici a Madrid e vorrei lasciar stare le cose così. Sono felice di essere un giocatore dell’Arsenal e sono sicuro che con un occhio alle statistiche si può capire se sono professionale. Basta guardare quante gare ho giocato”.

Con me – “L’aspetto positivo qui all’Arsenal è che squadra e staff tecnico sono sempre con me. Mi sono caricato le responsabilità e le condividiamo tutti. Wenger è un allenatore eccellente, ha le idee chiare e sa dove vuole arrivare con questa squadra. Se si vuole vincere, bisogna avere un allenatore così”.

Londra e la Premier – Özil sembra aver preso con grande entusiasmo la nuova avventura inglese. Sia per la città, che per il campionato inglese, il trequartista dei gunners è elettrizzato: “Londra è una città in cui mi sento alla grande. Pensavo la guida a sinistra fosse molto più difficile, ma Mertesacker mi ha dato lezioni. La Premier? È il campionato più competitivo al mondo. È equilibratissima e ci sono tante squadre attrezzate”.

L’Irlanda – A Colonia, con la nazionale tedesca, Özil affronterà l’Irlanda nella gara che potrebbe dare alla Germania la qualificazione anticipata a Brasile 2014. “Ho parlato con Podolski, che in questa città c’è nato. È cresciuto qui e ne ama ogni centimetro. È una città pazza per il calcio e non vediamo l’ora di giocare, ci sarà una grande atmosfera. L’Irlanda è una squadra di combattenti, ma noi dobbiamo fare la nostra partita. Sono sicuro che otterremo i tre punti se giochiamo al nostro livello”.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.