Rooney “Ero deluso perché giocavo fuori ruolo”

Il fuoriclasse inglese racconta la sua estate e la voglia di lasciare lo United perché utilizzato fuori dalla sua zona di campo preferita

0 condivisioni 0 commenti

Share

Pace fatta. Wayne Rooney ora è sereno, motivato, costante; per la gioia di Moyes e dei tifosi dei Red Devils. Tutto stava nel ruolo in cui era utilizzato da Sir Alex, pur non facendo riferimenti espliciti, un ruolo lontano dalla porta avversaria, che cambiava spesso e che non gli piaceva affatto.

Tutti sapevano – “All’interno del Club tutti sapevano dove volevo giocare ed era per questo che mi sentivo deluso. Mi dicevano di aiutare il centrocampo, ma io non volevo. È stato un momento in cui, per la mia carriera, ho dovuto essere egoista”. Egoista per preservare un talento che si esprime al massimo nei pressi dell’area di rigore avversaria. Egoista per rivendicare un’anzianità all’interno del club che dura quasi da dieci anni. “Ho provato a giocare a centrocampo e ho fatto bene (nei quarti di finale di Champions League contro il Real Madrid, ndr), non ho avuto nessun problema a giocare fuori ruolo in passato. Però sentivo il diritto di giocare dove preferivo e non stava accadendo”.

Sottotono – Rooney attribuisce anche il suo calo di rendimento, durante la stagione passata, al fatto che giocasse in un ruolo non suo. “Mi conosco e so che l'anno scorso non è stata la mia stagione migliore. Giocavo sempre in posizioni diverse ed è difficile adattarsi se non si gioca con costanza nello stesso ruolo”.

Solo voci – In estate è stato il tormentone di mercato. A lungo corteggiato da Mourinho, Rooney afferma a pochi mesi di distanza che non aveva intenzione di lasciare lo United. “Ci sono state un sacco di voci, io ho parlato con le persone che contano al Manchester United e solo noi sappiamo quello che è accaduto. Non ho voglia di dire volevo andare o volevo rimanere, voglio solo concentrarmi sul calcio giocato. Ora sono felice e gioco nel mio ruolo. Parlerò ancora con il club e decideremo insieme”. Anche perché alla fine della prossima stagione il suo contratto scade…

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.