Inter

Storia, notizie e risultati dell'Inter, unica squadra italiana a non essere mai retrocessa in Serie B e ad aver conquistato il triplete.

 

Il 9 marzo 1908 è il giorno in cui 44 soci non più appartenenti al Milan decidono di fondare l’Inter, che con i rossoneri rappresenta la città di Milano nel campionato di Serie A. In 108 anni di storia il club ha sempre giocato in massima serie ed è l’unico in grado di vantare questo primato, dopo la retrocessione d’ufficio della Juventus nel 2006. L’ampio palmarès conta 18 scudetti, 7 coppe nazionali, 5 supercoppe, 3 Champions League, 3 Coppe UEFA, 2 Coppe Intercontinentali ed un Mondiale per Club. 

Nonostante l’immediato successo in campionato nel 1910, la Grande Guerra ridimensionò i risultati dei nerazzurri fino al bis del 1920. Il primo vero apice della storia, però, si ha sotto il nome di Ambrosiana Inter, denominazione ispirata al ventennio fascista e sotto la quale arrivano le soddisfazioni della seconda metà degli anni ’30: altri tre titoli in dieci anni, con Giuseppe Meazza trascinatore della squadra fino al 1940 e nel dopoguerra. Il riassestamento post-bellico culmina con i due scudetti del 1953 e del 1954, ma il momento più glorioso è dietro l’angolo.

Nel 1955 la presidenza passa ad Angelo Moratti, che nel giro di 10 anni costruisce la Grande Inter di Helenio Herrera. Sotto la guida del tecnico argentino, arrivano le prime due Coppe dei Campioni, tra l’altro consecutive, e tre scudetti in quattro anni. La sconfitta col Celtic nel 1967 spezza il sogno della terza coppa, per un desiderio che si protrarrà per 45 anni. Gli anni ’70 non regalano gli stessi spunti del decennio precedente: arrivano altre due vittorie in campionato, una nel 1971 e l’altra quando è già il 1980, ma le torinesi, insieme a Lazio e Milan, la fanno da padrone. Discorso simile negli anni ’80, quando l’Inter accusa la nascita del Milan di Berlusconi, ma ciò non toglie il lusso del campionato dei record con Trapattoni: 58 punti sui 68 disponibili nell’era dei 2 punti per vittoria

Quello del 1989 rimane l’ultimo scudetto fino al 2006. Nel frattempo arrivano le vittorie in Coppa UEFA, mentre il campionato sfuma nonostante l’arrivo di una stella come Ronaldo: secondo posto contestatissimo nel 1998, drammatico terzo posto nel 2002 all’ultima giornata. Lo scoppio di Calciopoli e la retrocessione della Juventus valgono l’assegnazione del titolo alla squadra del presidente Massimo Moratti, figlio di Angelo, che apre così l’epopea culminata con il Triplete del 2010: con Mourinho arriva l’ultimo campionato, la Coppa Italia e la terza Champions League.

Il 15 novembre 2013 Massimo Moratti ha lasciato la maggioranza delle quote azionarie dell’Inter all’imprenditore indonesiano Erick Thohir, nuovo presidente straniero del club. Il processo di ricostruzione ed evoluzione dopo i successi arriva fino ai giorni nostri, con Mancini nuovamente in panchina dopo l’esperienza fino al 2008, ma soprattutto con il gruppo Suning alla guida della società. A pochi giorni dall'inizio del campionato 2016/2017, viene risolto il contratto tra Mancini e l'Inter: al suo posto arriva l'olandese Frank de Boer.

 

 

Partite e risultati

News

Tutte le news

Classifica

Classifica Serie A In casa Fuori casa
Pos Club PG V N P V N P DR PTI
2 Roma Roma 26 12 0 0 7 2 0 34 59
3 Napoli Napoli 26 9 3 2 7 3 2 31 54
4 Atalanta Atalanta 26 9 0 3 7 3 3 16 51
5 Lazio Lazio 26 9 2 3 6 3 3 16 50
6 Inter Inter 26 9 2 2 6 1 2 14 48
7 Milan Milan 26 8 2 3 6 3 3 8 47
8 Fiorentina Fiorentina 25 6 6 0 5 1 0 7 40
9 Torino Torino 25 7 4 1 2 4 1 6 35
10 Sampdoria Sampdoria 26 7 4 2 2 4 2 -1 35

Rosa

Portieri

Difensori

Centrocampisti

Attaccanti

Staff

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Leggi di più.