Dries Mertens

Dalla stagione 2013/2014 al Napoli, non ha mai segnato così tanto come nella stagione 2016/2017

Dries Mertens nasce a Lovanio il 6 maggio 1987, quattro giorni prima del primo storico scudetto del Napoli, da un campione belga della ginnastica e da una professoressa universitaria. Muove i primi passi nell’Anderlecht, la società più importante del Belgio, e poi nel Gent, prima della sua prima esperienza in prestito in terza divisione, con la maglia dell’Eendracht Aalst. Tuttavia, è nella vicina Olanda che questo attaccante esterno tecnico e guizzante conoscerà le sue prime vere soddisfazioni.

Con l’AGOVV, squadra di Apeldoorn, giocherà per due stagioni nella seconda serie olandese, collezionando 108 presenze e 30 reti, e attirando su di sé le attenzioni dell’Utrecht, squadra di Eredivisie, che lo acquista nel 2009. Qui resterà per due stagioni, realizzando 21 reti in 86 presenze e finendo per conquistare i cuori dei tifosi, che lo eleggono miglior giocatore della squadra nel 2010-11, anno in cui finirà secondo (alle spalle di un certo Luis Suarez) nella classifica dell’MVP del campionato olandese.

A quel punto, Dries Mertens è pronto per il grande salto, e nel giugno 2011 il PSV Eindhoven lo compra dall’Utrecht (insieme al suo compagno di squadra, Kevin Strootman) per una cifra vicina ai 14 milioni di euro. Il belga si presenta subito con un gol all’esordio contro l’AZ, ed entro la fine di settembre ha già firmato una tripletta all’Excelsior e un poker al Roda. Chiuderà il suo primo anno con 27 reti stagionali, contribuendo con un gol in finale al successo del PSV nella Coppa d’Olanda.

Dries Mertens al Napoli

Anche l’anno successivo manterrà una buona media realizzativa (18 gol in 39 presenze), finendo nel mirino del Napoli. Il club di De Laurentiis lo acquista nel giugno 2013 per circa 10 milioni di euro, riservandogli il ruolo di esterno sinistro alto nel 4-2- 3-1 di Benitez, ruolo che si contenderà con Lorenzo Insigne anche nelle successive stagioni. Il belga disputa una prima annata di livello, con 13 reti in 47 presenze, tra cui quella del 3-1 che sancisce il trionfo del Napoli nella finale di Coppa Italia contro la Fiorentina. E si ripete anche in quella successiva (10 gol in 51 presenze), approfittando del grave infortunio al ginocchio occorso all’amico-rivale Insigne.

Nel 2015-16 gli spazi si restringono: il nuovo tecnico Maurizio Sarri gli preferisce Insigne (napoletano DOC, ma curiosamente amato meno del belga dai tifosi), ma Mertens riuscirà comunque a ritagliarsi uno spazio importante, segnando un gol in più dell’anno precedente pur con 10 presenze in meno. Ma è nel 2016-17 che Mertens entra definitivamente nel cuore dei napoletani, quando Sarri lo sceglie per giocare da falso nueve per sopperire all’assenza dell’infortunato Milik. La risposta del belga è stupefacente: 20 gol nelle prime 28 gare, con la tripletta al Bologna che lo proietta anche in vetta alla classifica cannonieri della Serie A. 

Carta d'identità
Nome Dries
Cognome Mertens
Data di nascita 06/05/1987
Nato a Leuven
Stato Belgium
Peso 61
Altezza 169
In campo
Numero di maglia 14
Ruolo Striker
Fascia Centre
Piede preferito -
Nazionale Belgium

News

Tutte le news

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Leggi di più.