Calcio, Totti&co.: le dieci bandiere migliori di sempre

L'imminente addio al calcio di Francesco Totti ha ispirato il tabloid inglese "The Sun": ecco la classifica delle dieci migliori bandiere di sempre.

0 condivisioni 0 commenti 5 stelle

di

Share

Per i romantici del calcio questi sono giorni tristi. Una leggenda come Francesco Totti è prossima al ritiro, l'ennesima bandiera di un calcio che non esiste più sta per essere ammainata. D'accordo, manca ancora l'annuncio ufficiale del numero 10 giallorosso, la conferma alle parole di Monchi non è mai arrivata da parte del diretto interessato. Ma tutto fa pensare che Francesco Totti giocherà la sua ultima partita il 28 maggio contro il Genoa allo Stadio Olimpico. E infatti è già partita la caccia al biglietto.

Nostalgia? Bene, vogliamo farvene venire ancora di più. Parlando dell'addio di Totti, il Sun ha deciso di stilare la classifica dei dieci calciatori ad aver giocato per almeno vent'anni con la stessa maglia.

Un requisito che ci costringe, a malincuore, a lasciare fuori giocatori del calibro di Javier Zanetti e Alessandro Del Piero, fermatisi a diciannove rispettivamente con Inter e Juventus. Tra questi dieci la metà sono giocatori italiani. 

10. Fritz Walter - Kaiserslautern: 1937-1959

Partiamo da una leggenda. Grazie ai suoi oltre 300 in neanche 400 partite, l'attaccante tedesco Fritz Walter è riuscito a vincere due titoli con il Kaiserslautern diventandone il simbolo soprattutto dopo la Seconda Guerra mondiale. Durante il conflitto venne chiamato alle armi e diventò anche prigioniero dell'Armata Rossa, vivendo la drammatica esperienza dei gulag.

Riuscì a salvarsi solamente dicendo ad una guardia di essere austriaco. Tornò a casa e nel 1954 aiutò la Germania Ovest a vincere il suo primo Mondiale, in Svizzera. Per rendergli omaggio, nel 1985 la società tedesca con cui ha scritto la storia decise di intitolargli lo stadio. 

9. Lev Yashin - Dinamo Mosca: 1949-1971

Conosciuto da tantissimi per essere attualmente l'unico portiere della storia ad aver vinto il Pallone d'Oro, il russo Lev Yashin appartiene ad una cerchia ristretta di giocatori che hanno a loro modo cambiato questo sport. Il suo stile innovativo ha permesso al ruolo di portiere di evolvere, ma soprattutto le sue doti hanno aiutato la retroguardia della Dinamo Mosca per oltre 22 anni. E se Buffon riuscisse a togliergli lo scettro di unico portiere Pallone d'Oro? La leggenda chiama, Gigi.

Lev Yashin
Lev Yashin

8. Jack Charlton - Leeds: 1952-1973

Fratello maggiore dell'ancor più celebre Bobby, campione infinito del Manchester United e della Nazionale inglese, Jack Charlton giocava in difesa. Il suo gioco aggressivo e la sua voglia di non mollare mai hanno portato per la prima e finora unica volta la nazionale di Sua Maestà sul tetto del mondo, in quel famoso Mondiale del 1966 giocato proprio in Inghilterra. Inoltre Jack ha giocato solo ed esclusivamente per un club, ovvero il suo amato Leeds United.

Jack Charlton
Jack Charlton

7. Alessandro Costacurta - Milan: 1986-2007

Arriviamo nel Bel Paese per la prima della cinque grandi bandiere italiane inserite in questa speciale classifica. Billy Costacurta, milanista vero e campione straordinario, ha fatto parte della difesa che è stata per molti anni la più forte del mondo (altri due componenti li troveremo fra poco). Anche se ha giocato una stagione in prestito al Monza tra il 1986 e il 1987, i 20 anni tra le fila rossonere gli fanno guadagnare lo status di bandiera.

Alessandro Costacurta
Alessandro Costacurta

6. Rogerio Ceni - San Paolo: 1993-2015

Semplicemente il portiere goleador più conosciuto della storia del calcio. Uno capace di segnare la bellezza di 132 gol in carriera nonostante la porta durante le partite la difendesse. Per oltre 22 anni ha fatto le fortune del San Paolo, risultando spesso un fattore. Ora, non pago della sua splendida carriera, della squadra brasiliana ne è l'allenatore. Quando si dice che una maglia è come una seconda pelle.

Rogerio Ceni
Rogerio Ceni

5. Giuseppe Bergomi - Inter: 1979-1999

Indimenticabile, lo Zio Beppe. Dal Mondiale da protagonista, quando non aveva ancora 19 anni, fino alla fascia da capitano dell'Inter portata con onore per anni. Bergomi è una delle leggende del calcio italiano.

Giuseppe Bergomi e Christian Vieri
Giuseppe Bergomi e Christian Vieri

4. Franco Baresi - Milan: 1977-1997

Nella top 5 dei difensori più forti della storia del calcio, Franco Baresi è stato una delle più grandi bandiere di sempre. Simbolo di lealtà e rispetto, il suo stile di gioco non verrà mai dimenticato dai tifosi milanisti. Primo caso di maglia ritirata nel nostro calcio, adesso ha appena compiuto 57 anni e lavora ancora nel Milan nella direzione marketing del club. 6 per sempre.

Baggio e Franco Baresi
Baggio e Baresi

3. Francesco Totti - Roma: 1993-2017

Il protagonista assoluto di questi ultimi giorni, nel bene e nel male. Arrivato inevitabilmente alla fine di una carriera magnifica, Francesco Totti è il più grande esempio moderno di amore per la maglia e attaccamento a una città. Non serve aggiungere altro, se non il consiglio a tutti (specialmente ai più giovani) di godersi questi ultimi giorni in cui Totti sarà ancora un calciatore.

La gioia di Totti per lo sucdettoGetty Images
Totti festeggia il gol-scudetto al Parma

2. Ryan Giggs - Manchester United: 1990-2014

Il genio del calcio della fine degli anni '90 e dell'inizio del nuovo millennio. La definizione di vincente per Ryan Giggs non potrebbe essere più calzante. Il mago gallese, dopo 24 anni da protagonista al Manchester United, sta tentando di far decollare la propria carriera da allenatore (si parla molto di Swansea per la prossima stagione). Vedremo se in panchina sarà determinante come lo è stato in campo. Vederlo giocare è stato una vera fortuna per chi ne ha avuto l'occasione.

Ryan Giggs, fotografia di una campioneGetty Images
I trofei del 2008 portati a casa dal Manchester United

1. Paolo Maldini - Milan: 1984-2009

Paolo Maldini, signori. Per continuità di rendimento e intelligenza è stato per oltre un ventennio il miglior difensore al mondo, senza se e senza ma. Cinque Champions League vinte, di cui due da capitano, parlano da sole. Un monumento.

Cesare e Paolo Maldini, leggende rossonereGetty Images
La dinastia Maldini in una foto

Share

Vota

Commenta

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Leggi di più.