Sabatini nel Suning Sports Group: "Renderò Inter e Jiangsu vincenti"

L'ex dirigente della Roma presentato in una conferenza stampa a Nanchino: "La mia missione sarà quella di rendere Inter e Jiangsu vincenti".

525 condivisioni 0 commenti 5 stelle

di

Share

Walter Sabatini entra ufficialmente a far parte del gruppo Suning Sports. L’ex direttore sportivo della Roma è stato presentato stamattina durante una conferenza stampa tenuta a Nanchino, in Cina: ricoprirà il ruolo di coordinatore dell’area tecnica.

Solo pochi mesi dopo l'addio di Sabatini alla società giallorossa, il dirigente umbro torna subito a lavoro iniziando una collaborazione con il gruppo cinese che lo porterà ad occuparsi delle squadre di proprietà di Suning, quindi Inter, Jiangsu e una terza che il colosso cinese ha intenzione di acquistare in Europa, probabilmente in Portogallo o Belgio.

Dopo l’esonero di Pioli da parte dell’Inter, l'arrivo di Sabatini è il primo passo verso la ricostruzione della squadra nerazzurra in quella che sarà la prima vera stagione sotto la gestione Suning, che ha acquistato la società milanese l’agosto scorso.

Inter, Sabatini entra a far parte di Suning

Sabatini entra in Suning
Sabatini è il nuovo coordinatore tecnico per Suning

Durante la conferenza stampa Sabatini ha ringraziato tutta la dirigenza di Suning, a partire da Zhang Jingdong, per l’occasione che gli è stata concessa e si è detto onorato di avere un compito così importante come la crescita delle prime squadre e delle formazioni giovanili.

L’obiettivo non è solo quello di primeggiare con la prima squadra ma è anche creare una cultura interna al club, da trasferire al movimento giovanile. Deve crescere Suning e tutto il calcio cinese.

Inevitabilmente l’entrata di Sabatini nel gruppo Suning avrà ripercussioni anche sull’Inter: la posizione del ds Piero Ausilio, che ha da poco rinnovato coi nerazzurri, non sembra essere in discussione, ma date le difficili convivenze a livello dirigenziale dell’ex Roma, in particolare quella turbolenta con Franco Baldini, sarà interessante capire le dinamiche fra i due.

Con la panchina momentaneamente affidata al tecnico della Primavera Stefano Vecchi, la scelta del nuovo allenatore dell’Inter dovrà essere la prima decisione importante presa dal tandem formato da Sabatini e Ausilio. L’arrivo del dirigente umbro fa salire prepotentemente le candidature di Spalletti e di Antonio Conte, con il tecnico toscano che lascerà la capitale e l’allenatore del Chelsea che è stato uno dei sogni proibiti di Sabatini per la panchina della Roma nelle scorse stagioni.

Durante la conferenza stampa però, l’Inter e il Jiangsu non sono state trattate come entità separate: Sabatini ha infatti sottolineato più volte come il lavoro suo e dei suoi collaboratori riguarderà l’area tecnica del gruppo Suning Sports come due soggetti da far crescere parallelamente.

Le due squadre devono essere sinergiche. I problemi dell’Inter saranno quelli del Jiangsu, dovremo essere una grande famiglia e un grande gruppo di lavoro.

Sia l'Inter che il Jiangsu stanno vivendo momenti difficili, coi nerazzurri che faticano a raggiungere il sesto posto che gli permetterebbe di giocare i preliminari di Europa League e con l'ultimo posto in classifica della squadra cinese di Suning. Sabatini ha però dichiarato che risollevare le sorti di entrambe le squadre non sia per lui un lavoro ma addirittura una missione.

Se l’Inter vince e il Jiangsu perde non sarà un bel weekend, dobbiamo puntare al grande slam domenicale.

A dimostrazione della fiducia del gruppo cinese nei suoi confronti, sono arrivate anche le parole di Liu Jun, amministratore delegato ad interim dell’Inter, a margine della conferenza stampa.

Walter Sabatini lavorerà sul funzionamento a lungo termine del progetto. È solo il primo passo, in futuro Suning continuerà ad unirsi all’élite del calcio per costruire il più avanzato gruppo di gestione nel mondo dello sport.

Share

Vota

Commenta

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Leggi di più.