Eurolega, road to Istanbul: alla scoperta del Fenerbahce

La squadra turca di Obradovic ha la possibilità di giocare in casa le Final Four e di riscattare la delusione della finale persa lo scorso anno contro il CSKA Mosca.

Il Fenerbahce di Datome

18 condivisioni 0 commenti 5 stelle

di

Share

Per la terza stagione consecutiva la squadra turca approda alle Final Four confermandosi una delle più forti d'Europa. Dopo le delusioni di Madrid 2015 e Berlino 2016, la Final Four 2017 può essere quella del Fenerbahce. La fase finale dell'Eurolega infatti quest'anno si giocherà ad Istanbul, in casa proprio del Fenerbahce, e la spinta della tifoseria turca può diventare un vero e proprio fattore. In semifinale gli uomini di Obradovic dovranno vedersela con il Real Madrid in quello che è il remake della semifinale del 2015, anno in cui ad alzare il trofeo furono proprio gli spagnoli.

La stagione di Eurolega

Quest'anno la squadra turca è stata decisamente meno dominante rispetto alla passata stagione. Il Fenerbahce ha chiuso la regular season al quinto posto con 18 vittorie e 12 sconfitte, vivendo di alti e bassi e mostrando tanta discontinuità, sia nei risultati che nel gioco. Va detto però che non è sempre stato al completo, anzi. Nel corso dell'annata Obradovic ha dovuto fare a meno di gente come Udoh, Sloukas, Datome e Bogdanovic.

Udohdel Fenerbahce
Ekpe Udoh, autore di una grande stagione

Nei playoff il Fenerbahce ha invece mostrato tutto il suo potenziale. La squadra turca, nonostante lo svantaggio del fattore campo, ha fatto fuori il Panathinaikos con un secco 3-0, espugnando per ben due volte Oaka e completando lo sweep ad Istanbul. Il trascinatore del Fener nei playoff è stato Bogdanovic che, appena rientrato da un infortunio, ha giocato due gare straordinarie ad Atene che lo hanno fatto diventare il miglior realizzatore, il miglior rimbalzista e il miglior passatore della storia del Fenerbahce nei playoff.

La squadra

Roster alla mano, il Fenerbahce è probabilmente la squadra più forte di quelle presenti a Istanbul. La squadra è composta da giocatori dal valore assoluto, che durante la loro carriera hanno sempre giocato a livelli altissimi. Basti pensare agli ex NBA Vesely, Udoh e Datome, o Sloukas e Antic che hanno già vinto due volte l'Eurolega con la maglia dell'Olympiacos. C'è anche quel Bogdanovic che alle ultime Olimpiadi ha vinto la medaglia d'argento. Una corazzata insomma.

Datome del Fenerbahce
Il capitano azzurro Gigi Datome

A rinforzare una squadra già forte è arrivato anche l'MVP del campionato italiano James Nunnally, che durante la stagione ha saputo ritagliarsi minuti importanti. A stagione in corso si è aggiunto anche l'ex prima scelta assoluta NBA Anthony Bennett, le cui prestazioni al momento sono assolutamente deludenti.

Il coach

Non basterebbero fiumi e fiumi di parole per spiegare chi è e soprattutto cos'ha vinto Zeljko Obradovic. Limitiamoci a dire che è una leggenda che ha vinto tutto. Obradovic è un mago della tattica e della strategia che negli anni ha saputo adattarsi ai continui cambiamenti della pallacanestro, sfruttando nel migliore di modi le qualità e le abilità dei suoi giocatori.

Obradovic del Fenerbahce
Coach Obradovic a colloquio coi suoi giocatori

Il coach serbo ha vinto otto volte l'Eurolega con quattro squadre diverse. Da quando siede sulla panchina del Fenerbahce è già andato molto vicino a vincere il nono trofeo per ben due volte e questa può essere finalmente l'occasione giusta.

I numeri

Nonostante non abbia tenuto i livelli della scorsa stagione, quest'anno la squadra di Obradovic è stata una delle migliori difese dell'Eurolega, subendo appena 74.8 punti di media a partita. In attacco, nonostante i nomi altisonanti, il Fenerbahce ha chiuso al terzultimo posto con 76.2 punti di media. Anche a rimbalzo, con gente come Vesely, Udoh e Antic, i turchi non hanno saputo imporsi come avrebbero dovuto, catturando solo 32.6 rimbalzi di media. 

Il pronostico

Paradossalmente la partita più impegnativa per il Fenerbahce potrebbe essere la prima. In semifinale la squadra turca troverà il Real Madrid che ha chiuso la regular season al primo posto e che si è dimostrata squadra tosta e molto solida. La partita si preannuncia spettacolare e combattuta, soprattutto per il livello di talento che ci sarà sul parquet. Il fattore campo potrebbe rivelarsi fondamentale, ma il Real Madrid è forse un gradino superiore al Fenerbahce.

Share

Vota

Commenta

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Leggi di più.