Pirlo: "Dispiace vedere Inter e Milan così. De Rossi? Meglio cambiare"

Il Maestro dei New York City commenta la Serie A, consiglia De Rossi e parla del futuro di Totti. Ma soprattutto del suo obiettivo quando tornerà in Italia.

319 condivisioni 0 commenti 2 stelle

di

Share

Quando parla, ha il valore di un'enciclica calcistica. Non è il Papa, è il Maestro: Andrea Pirlo da Flero, o meglio dalla Grande Mela: alla terza stagione in Major League Soccer, è ancora uno dei punti di riferimento dei New York City in lotta per le prime posizioni. Ed è proprio dagli Usa che il campione del mondo 2006 lancia, come in uno dei suoi passaggi più illuminanti, il suo punto di vista sulla Serie A, sulle sue vecchie squadre e i suoi compagni di Nazionale.

Intervenuto ai microfoni di Sportitalia, durante la trasmissione "La Partita Perfetta", il regista classe 1979 ha spaziato dai valori di forza del campionato italiano alla situazione attuale di Inter e Milan, fino a offrire il proprio consiglio da veterano a un suo ex collega di reparto azzurro come Daniele De Rossi.

Pirlo commenta anche quello che potrebbe ormai essere l'ultimo anno da calciatore di Francesco Totti. Un argomento che, stavolta, regala a lui l'assist per parlare del proprio futuro e dei prossimi obiettivi una volta terminata la sua esperienza Oltreoceano. Anche per lui, è forte la possibilità che questo sia la stagione finale della sua lunga e prestigiosa carriera. L'importante, come afferma lui stesso, è farsi trovare preparati per la mossa successiva.

Pirlo: "Mi manca l'emozione della Champions League"

L'ex pilastro della Nazionale parte da una rapida analisi del quadro offerto dalla Serie A, a quattro giornate dalla conclusione del campionato:

Da qui riesco a seguire il maggior numero di partite possibili. La Juventus è la squadra più forte, dietro Roma e Napoli combattono per il secondo posto.

È sulle due milanesi, Inter e Milan, che Andrea Pirlo esprime il suo commento più sentito:

Mi dispiace vederle così, è un momento delicato per entrambe. Ma credo che si riprenderanno quanto prima.

Pirlo ha lasciato la Juventus e l'Italia nel 2015
Pirlo ha salutato la Juventus e l'Italia dopo la finale di Champions League del 2015

Il suo saluto alla Serie A è arrivato nell'estate del 2015, dopo quasi due anni di assenza la nostalgia è ancora tanta. Ma è un'esperienza a mancargli in modo particolare:

L'emozione della Champions League, le partite importanti come Juventus-Barcellona o la prossima con il Monaco.

Anche l'ultima apparizione con la maglia azzurra risale ormai al settembre 2015. Più complicato per lui seguire le partite dell'Italia di Ventura, considerato il fuso orario:

Ma ho letto molto in merito, ci sono alcuni giovani interessanti che cresceranno sicuramente bene.

De Rossi, Totti e il prossimo obiettivo del Maestro

Come anticipato, uno dei punti salienti del suo intervento è il suo punto di vista su Daniele De Rossi, suo ex compagno in Nazionale e in scadenza di contratto con la Roma:

Gli consiglierei di cambiare aria. È giovane, può ancora fare un campionato in Europa e giocare ad alti livelli. È ancora presto per giocare in America.

Pirlo consiglia a De Rossi di lasciare la Roma
"De Rossi? Gli consiglierei di cambiare aria"

Da un campione del mondo a un altro, da una bandiera giallorossa a un'altra, Pirlo commenta anche il possibile ultimo anno di attività di Totti:

Dipenderà molto da lui, se ha ancora entusiasmo è giusto che giochi ancora.

E il suo futuro, invece, cosa riserva?

Prima o poi anche io penserò al ritiro, giocare sempre è impossibile. Quando non fai più parte dei "numeri uno", pensi a fare qualcosa di diverso. Ora mi sto concentrando per finire al meglio, appena torno in Italia studierò per diventare allenatore. Non si sa mai.

Share

Vota

Commenta

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Leggi di più.