Frode fiscale, maxi retata nelle sedi di Newcastle e West Ham

Maxi retata nelle sedi di Newcastle e West Ham. Arrestato il dg dei Magpies che solo pochi giorni fa avevano ottenuto la tanto attesa promozione in Premier League.

A destra Lee Charnley, A.D. del Newcastle.

332 condivisioni 0 commenti 0 stelle

di

Share

Il direttore generale del Newcastle Lee Charnley è finito in manette per frode fiscale coinvolto in un'indagine che si allargherà presto a macchia d'olio. In mattinata c'è stato un blitz di 180 agenti della polizia negli uffici del St. James Park e del London Stadium, casa del West Ham. Sequestrati documenti, computer, telefoni cellulari, resoconti commerciali e finanziari.

Lee Charnley è stato uno dei fautori della promozione in Premier League del Newcastle, lavorando a stretto contatto con Rafa Benitez per riportare il club nella massima serie inglese. Arrestato ieri sera, sarà interrogato dagli agenti dell'HMRC, vale a dire il dipartimento governativo inglese responsabile per la riscossione delle imposte.

L'HMRC ha dichiarato di aver arrestato diversi uomini all'interno dell'industria del calcio professionistico, sospettati di frode fiscale. Il Newcastle si è rifiutato di commentare la vicenda, ma un comunicato è atteso al più presto vista la gravità dei fatti.

Newcastle, dal ritorno in Premier all'incubo

La notizia è una doccia gelata per il club e i suoi tifosi, ancora in festa per la promozione ottenuta con due giornate di anticipo. Il timore è che la vicenda possa allargarsi a dismisura: l'inchiesta, come riportato dallo stesso HMRC, arriva a coinvolgere gran parte dell'Inghilterra fino ad arrivare in Francia, dove autorità nazionali hanno arrestato diversi uomini. Un altro scandalo scuote il mondo del calcio.

Share

Vota

Commenta

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Leggi di più.