Champions League: Monaco e Juventus 19 anni dopo

Nel 1998, i bianconeri di Lippi eliminarono i monegaschi prima della sfortunata finale contro il Real Madrid. Il percorso verso Cardiff passa ancora da Montecarlo.

296 condivisioni 0 commenti 5 stelle

di

Share

Nyon ha deciso. Le semifinali di Champions League vedranno da una parte il derby di Madrid, con l'Atlético che punta al primo sgarbo europeo ai danni del Real. Dall'altra, un accoppiamento che fa tirare un sospiro di sollievo a più di qualcuno. Monaco-Juventus, come nei quarti della stagione 2014/2015. Ma soprattutto, come la semifinale 1997/1998.

Chiedere ad Alex Del Piero e Nicola Amoruso, forse un po' meno a Zinédine Zidane, che dovrà difendere la coppa vinta un anno fa a San Siro. Chiedere a questi tre ex perchè, 19 anni fa, le loro firme nel tabellino regalarono la terza finale consecutiva a Marcello Lippi. I bianconeri sollevarono solo la Champions del 1996 contro l'Ajax, perdendo le successive contro Borussia Dortmund e Real Madrid. Prima di affrontare le merengues ad Amsterdam, però, furono proprio i monegaschi ad essere eliminati.

Zinédine Zidane
Zinédine Zidane, da trascinatore ad avversario della Juventus

Una curiosa coincidenza. La finale potrebbe essere la stessa di quella stagione: cambia soltanto una delle quattro semifinaliste. C'era proprio il Borussia campione in carica, eliminato dal Real. La Juventus, che nel doppio confronto parte favorita ma non potrà permettersi di sottovalutare il Monaco, potrebbe avere l'occasione di vendicare lo storico, discusso gol di Predrag Mijatović, che diede la settima Champions alla squadra di Jupp Heynckes.

Juventus, 6 gol al Monaco nel 1998

Kylian Mbappé ricopre da solo, anche con qualche anno in meno, il ruolo che quel Monaco aveva affidato a Thierry Henry, David Trezeguet, Willy Sagnol e Ludovic Giuly. Giocatori dal futuro già scritto, accompagnati da Fabien Barthez, Costinha e Victor Ikpeba. Ma la Juventus non fece sconti, anzi mise subito le cose in chiaro nel match d'andata: 4-1 con tripletta di Del Piero e gol di Zidane, con il momentaneo pareggio di Costinha. Al ritorno andò meglio alla squadra di Tigana, ma non bastò per l'approdo in finale. Finì 3-2 con le reti di Leonard, Špehar e proprio Henry, che l'anno dopo arrivò a Torino senza lasciare il segno e con un dibattito ancora aperto sulla sua collocazione tattica. Amoruso e Del Piero blindarono la qualificazione, un mese prima della sconfitta contro il Real Madrid.

Del Piero Juventus
Del Piero su punizione contro il Monaco. Un giovane Trezeguet in barriera

Champions League, 3 su 3 nelle semifinali con le francesi

La statistica è benevola, visto che nelle semifinali di Coppa dei Campioni/Champions League contro avversarie francesi sono arrivate soltanto qualificazioni. Il Monaco di 19 anni fa è solo l'ultima in ordine di tempo: due anni prima, nella stagione del trionfo a Roma, la Juventus eliminò il Nantes. Vittoria per 2-0 in casa, altro KO ininfluente per 3-2 in trasferta. Nella stagione 1984/1985, quella della tragica vittoria all'Heysel, anche il Bordeaux cadde sotto i colpi dei bianconeri: Trapattoni vinse 3-0 a Torino, poi la sconfitta per 2-0 in Francia. Allegri, che ha già eliminato i monegaschi nei quarti di due anni fa, può prendere spunto da due ottimi maestri.

Vota anche tu!

La Juventus vincerà la Champions League?

Leggi di più tra 5

Annulla redirect

Share

Vota

Commenta

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Leggi di più.