Che "petardazo": le prime pagine dopo Barcellona v Juventus

Il tonfo di Messi e le lacrime di Neymar sono le due immagini più gettonate sui quotidiani internazionali. E l'Europa celebra la muraglia bianconera.

2 condivisioni 0 commenti 1 stella

di

Share

Chissà se Messi, cadendo rovinosamente a terra dopo un contrasto con Pjanic, avrà pensato che il suo tonfo sarebbe diventato metafora dell'eliminazione del suo Barcellona. Il ritorno dei quarti di Champions League lo ha sentenziato in maniera univoca: troppo granitico il muro della Juventus per una nuova remuntada blaugrana. Il risultato? Un "petardazo", come titolano sogghignando i madrileni di As. In quel vocabolo, tutto il suono onomatopeico del "botto", dello schianto fragoroso di Leo e compagni contro il fortino eretto da Max Allegri.

Mentre allora la stampa italiana gronda euforia ed esaltazione per la difesa più impenetrabile d'Europa, nella penisola iberica i sentimenti si dividono contrastanti. I quotidiani catalani versano lacrime metaforiche insieme a quelle reali di Neymar, consolato a fine partita dall'ex compagno di club e connazionale Dani Alves. A Madrid invece è l'ironia impietosa, quasi sadica, a prevalere sulle prime pagine dei giornali.

Dopo la doppia qualificazione alle semifinale di Real Madrid e Atletico, del resto, l'addio del Barcellona non può che essere per loro la ciliegina sulla torta. "Quattro palline e un funerale", è la citazione divertita che Marca fa del celebre film con Hugh Grant. Le esequie funebri sono proprio quelle dei rivali culé, le "bolas" sono invece quelle delle semifinaliste: le due madrilene, la rivelazione Monaco e appunto la Juventus. Dopo il 3-0 dell'andata a Torino, gli zero gol subiti al Camp Nou lanciano ancora di più la Vecchia Signora come seria candidata alla vittoria finale.

Le lacrime del Barcellona e il muro Juventus sulla stampa internazionale

Chi sperava in un bis della rimonta contro il PSG è rimasto decisamente a bocca asciutta. "Non c'è stato un secondo miracolo", sentenziano amari i quotidiani locali della Catalogna. Di miracoloso, la sfida del Camp Nou ha consegnato solo la solidità della retroguardia della Juventus. "Non ha tremato", commentano con tono d'elogio i cugini d'Oltralpe di France Football.

Barcellona-Juventus vista da France Football
Contro il Barcellona, sottolinea l'edizione online di France Football, la Juve "non ha tremato"

Anzi, come fosse una premonizione sinistra per il Barcellona, la caduta faccia a terra di Messi nel primo tempo si è rivelata icona del fallimento blaugrana. Un "decollo", come si scrivono i tedeschi della Bild, dal sapore tutt'altro che di gloriosa ascesa per quella che un tempo era considerata un'Armada Invencible. Gli "invincibili", proclama i torinesi di Tuttosport, sono invece gli uomini di Allegri, guidati da capitan Buffon e da una difesa che si è confermato come la meno battuta dell'intera competizione: due gol subiti nel girone, nessuno nelle quattro gare a eliminazione tra ottavi e quarti.

Barcellona-Juventus vista dalla Bild
La Bild immortala il "decollo" di Messi, ma l'atterraggio sarà rovinoso

Insomma, la Juventus ce l'ha fatta - sintetizza il britannico Sun - a reggere l'urto spuntato del tridente Messi-Suarez-Neymar e della voglia di riscatto del Camp Nou. Dal sogno di remuntada a una squadra "desmontada", il gioco di parole dei brasiliani di Globo Esporte rende al meglio l'idea. Contro la "muralla" bianconera, quindi, si è fermata la corsa del Barcellona. Real, Atletico o Monaco: quella della Juve invece attende di conoscere la sua prossima stazione.

Barcellona-Juventus vista dal Sun
"La Juve ce l'ha fatta!" titola il Sun nella sua sezione sportiva

Share

Vota

Commenta

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Leggi di più.