Rashford e la Nazionale: "Ecco cosa ci disse Rooney dopo l'Islanda"

Il giovane attaccante della Nazionale inglese ammette la sua ammirazione per Rooney e rivela le parole del capitano dopo la debacle contro l'Islanda a Euro 2016.

698 condivisioni 0 commenti 5 stelle

di

Share

Marcus Rashford ha spiegato quanto sia importante per la Nazionale inglese l'influenza di Wayne Rooney, fino a poco tempo fa capitano della squadra e ora ai margini del progetto del ct Gareth Southgate. Il giovane attaccante, che è compagno di Rooney anche nel Manchester United, ha rivelato che Wayne è sempre stato il suo idolo, fin da quando, ragazzino, tirava i primi calci a un pallone.

Marcus ha un rapporto basato sul più profondo rispetto nei confronti del suo capitano e in un'intervista al Players' Tribune si dice conscio delle aspettative che il mondo del calcio inglese nutre nei suoi confronti e assicura che conta di ripagarle, con il duro lavoro quotidiano, certo, ma anche grazie ai consigli e all'esempio proprio di Rooney.

Rashford potrebbe avere molto presto due importanti occasioni per mettere in mostra le sue doti a livello internazionale. Nel giro di una settimana, infatti, la Nazionale di Southgate incrocerà la Germania in un'amichevole di lusso, sempre che di amichevole si possa parlare, e poi sfiderà la Lituania in un match valevole per le qualificazioni mondiali.

Rashford svela il discorso di Rooney dopo l'Islanda

L'ammirazione di Marcus Rashford per il compagno deriva anche dal comportamento che Rooney tenne dopo la disfatta dell'Inghilterra contro l'Islanda a Euro 2016. Il giovane attaccante ha rivelato le parole del capitano negli spogliatoi:

Noi eravamo lì con la testa fra le mani. Lui si alzò e venne da ciascuno di noi e ci disse, uno per uno, queste parole: "Alza la testa: ci aspettano altre battaglie in futuro". Questo è quello che dobbiamo fare: tenere alta la testa e combattere.

Rooney e Rashford, cambio contro l'Islanda
La staffetta fra Rooney e Rashford negli ultimi minuti del match contro l'Islanda

Rashford, che ha 19 anni, ha già 6 presenze in Nazionale con un gol, segnato proprio all'esordio nel match vinto 2-1 contro l'Australia nello scorso maggio. Una partita che, col senno di poi, potrebbe aver rappresentato una sorta di staffetta fra lui e Rooney, autore, nell'occasione, del secondo gol dell'Inghilterra.

Share

Vota

Commenta

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Leggi di più.