Mayweather: "McGregor, il mio numero ce l'hai. Facciamo questo match?"

Mayweather esce allo scoperto aprendo in maniera definitiva al dream match con Conor McGregor. La palla passa adesso a UFC e all'irlandese, cosa accadrà?

Floyd Mayweather smiling

1631 condivisioni 0 commenti 5 stelle

di

Share

Si fa o non si fa? Nì. Floyd Mayweather vs Conor McGregor non è forse mai stato così vicino alla realizzazione quanto ora, nonostante manchino ancora parecchie questioni da definire prima che tale evento trovi finalmente compimento. La problematica principale che sta attualmente frenando il progetto è figlia della volontà di Dana White, presidente UFC, che continua a far muro: se dream match dovrà essere, l'organizzazione dovrà necessariamente essere affidata alla sua promotion.

Shoutout to my brother @umit_akbulut from turkey, I'm looking forward to our next project #B4LMOVEMENT

A post shared by Floyd Mayweather (@floydmayweather) on

A quando la chiusura?

McGregor spinge per la chiusura, Mayweather idem. Quindi, cosa manca per sancire un accordo? Soltanto che alcuni tasselli trovino il loro giusto incastro. Intanto Floyd continua a pompare l'evento, come fatto anche nel corso dell'intervista rilasciata a Showtime Boxing

Mi rivolgo principalmente a Conor, a cui chiedo soltanto una cosa: fai sì che questo incontro si concretizzi. Io sto facendo lo stesso, ed è giusto dare ai fans quello che loro stessi continuano a chiederci. C'è uno e un solo match che ad oggi potrebbe assumere importanza, e quello è Mayweather vs McGregor. Missmatching? Macché, credo che Conor possa assolutamente essere competitivo. Lui sa come si combatte in piedi, d'altronde le sue uniche sconfitte nelle MMA sono arrivate nelle fasi di grappling.

Lui è davvero uno stand-up fighter infernale, d'altronde in piedi non ha mai perso. Conor picchia davvero forte, e uno che riesce a colpire in quel modo con i guantini da MMA può farlo anche con i guantoni da boxe. Soldi? Non abbiamo parlato di questo, ma McGregor ha il mio numero. Bisogna soltanto che si accordi con il suo capo (Dana White, ndr) e la sua azienda, in modo tale da rendere finalmente concreta la cosa.

Un'apertura importante, forse quella decisiva, almeno da parte di Mayweather. Bisognerà adesso attendere le nuove mosse di McGregor e UFC, con quest'ultima che sembra ancora intenzionata ad opporre qualche resistenza. Qualora vi fosse però anche un coinvolgimento marginale ma comunque rilevante della promotion di Dana White nell'evento, la situazione potrebbe definitivamente svoltare, dando così alla storia un altro dei dream match più chiacchierati di tutto il ventunesimo secolo.

Share

Vota

Commenta

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Leggi di più.