Cugine milanesi, sorelle cinesi: la nuova vita di Inter e Milan

Il calcio milanese vuole riprendersi la scena della Seria A. Milan e Inter invertono la rotta: il mercato sarà giovane e italiano. E con i cinesi sognare è lecito.

Milan e Inter: mercato di giovani e italiani

206 condivisioni 0 commenti 0 stelle

di

Share

E adesso si ricomincia. Perché a Milano il pallone torna a rimbalzare più forte che mai. Dalla Cina al mondo del mercato, passando per il campo. Sì, a San Siro. La nuova casa dei due dragoni: quello nerazzurro di Suning e l’altro rossonero di SES. Due fenomeni diversi ma tanto simili nelle idee. Col comune desiderio di tornare grandi: da subito. Partendo dall’Italia, Serie A. E dagli italiani, se è possibile.

Milan-Inter, derby 2016/17

Novità

Per credere, basta guardare l’Inter. Già, Gagliardini: un acquisto tanto ricco quanto prezioso. Giovane e di prospettiva. E per lui anche gli ambiziosi cinesi si sono ricreduti: dimenticandosi dei nomi giganti e internazionali per lasciare spazio al ritrovato orgoglio tricolore, inaugurato proprio con l’arrivo dell’ex atalantino. E a quella voglia di ridare un senso alle cose. Grazie ad una perfetta inversione di tendenza: dalle parole dritte ai fatti, sì.

Perché Roberto è stata un’occasione da cogliere al volo. Un ragazzo cresciuto nella meravigliosa Atalanta, ora pronto a vestire un nerazzurro leggermente più pesante. Non di certo una superstar, bensì una garanzia sul domani. Prendendo magari spunto da quei giovanissimi cugini rossoneri. E ce ne sono tanti quest’anno.

Gagliardini (ora trasferito all'Inter) in azione con l'Atalanta

Come i vari Donnarumma, Romagnoli e Locatelli. Anche loro baby e italiani. Ma già leader di un nuovo diavolo in stile ‘vecchia maniera’. Con un rossonero più vincente e pragmatico. Meno snob e senza primedonne, ma pieno di aspiranti campioni. Aspettando il restyling cinese e ripartendo da quelle giovani e consolidate certezze. Ossimoro? No, pura verità.

Donnarumma, Locatelli e De Sciglio: le tre giovani promesse rossonere

Già, perché battere due volte la Juventus non sarà mica frutto del caso. E ora Montella è chiamato al girone della maturità. Giocando con umiltà, accettando le proprie imperfezioni. In attesa ancora del Babbo Natale del mercato. Quello che all’Inter ha già regalato l’ultimo modello di centrocampista. E che al Milan potrebbe portare un giovane esterno per ridare fiato all'indispensabile Suso. Sì, Deulofeu dell'Everton è tornata una pista percorribile. Perché il nuovo che avanza, nel 2017, è meglio dell’usato sicuro. Senza scordarsi dei talenti nostrani. Rivalutandoli e crescendoli. Seguendo così il proverbiale modello inglese. Anzi, correggiamo: cinese.

Share

Vota

Commenta

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Leggi di più.