Eurolega - Olimpia, riecco il Fenerbahçe. Con un Bogdanovic in più

Otto KO consecutivi e un'impresa durissima: l'EA7 ritrova il Fener e Bogdanovic, al rientro dopo un lungo stop. E tra luci e ombre, ecco un Nunnally in crescita.

Il saluto del Fenerbahçe ai propri tifosi

32 condivisioni 0 commenti 0 stelle

di

Share

Girone di ritorno al via, calendario rivoluzionato e trasferta ad Istanbul immediata in Eurolega per l'Olimpia Milano di Jasmin Repesa. Come accaduto in occasione della prima parte di stagione (allora contro il Darussafaka), la prima gara fuori casa si giocherà proprio in Turchia, stavolta contro il Fenerbahçe finalista nella scorsa edizione della competizione: una gara che si preannuncia piuttosto complicata per l'EA7, priva anche del suo leader offensivo, Rakim Sanders, e reduce da un difficilissimo momento con ben 8 sconfitte consecutive accumulate in Eurolega. Il 2017 dovrà portare tanta, tantissima fiducia in più nei propri mezzi ad una squadra che improvvisamente, dopo un buon inizio di stagione, si è sciolta in un mare di difficoltà, peggiorando ulteriormente i propri record in Europa (4-11) e in campionato (prime due sconfitte contro Venezia e Reggio Emilia) e soggetta ad una preoccupante involuzione. Ma rispetto alla gara del 24 novembre scorso al Forum, che avversario troveranno l'ex Hickman e compagni? Andiamo a ripercorrere, da allora, il momento vissuto dalla squadra di Obradovic, prima della palla a due di stasera (diretta FoxSports ore 18.40, con ampio prepartita dalle 18.15) alla Fenerbahçe Ulker Sports Arena.

Tra lampi di luce e ombre

Kostas Sloukas
Sloukas in azione contro la difesa EA7

Nella gara d'andata giocata al Forum il Fener non aveva particolarmente impressionato, reduce da 2 vittorie e 3 sconfitte nelle 5 gare precedenti e capace di espugnare Milano (70-79) grazie anche ad un quarto periodo offensivamente disastroso per l'Olimpia (7 punti segnati contro i 21 avversari), con il gran finale firmato Sloukas (18 punti)-Dixon (14). Da allora, la squadra di Obradovic ha vissuto costantemente la propria Eurolega come sulle montagne russe: up & down continui che hanno portato i turchi ad un successivo, parziale record di 3 vittorie e 3 sconfitte, tra lampi di luce e qualche ombra di troppo. Dopo il successo del Forum, ecco due belle vittorie di squadra contro Real Madrid in volata (78-77, con 6 uomini in doppia cifra) e Crvena Zvezda (87-72), momento rivelatosi tuttavia illusorio di fronte ad un più complicato, successivo periodo. Dopo la sconfitta di Atene contro il Panathinaikos (81-70), nonostante i 21 di un Nunnally sempre più in crescita, è arrivato anche l'inatteso K.O. casalingo contro il Darussafaka di Blatt, con soli 64 punti segnati a fronte dei 71 avversari. Doppia delusione cancellata, parzialmente, dalla rivincita della scorsa finale di Eurolega contro il CSKA, battuto a Mosca dopo un incredibile overtime da 4-20 di parziale (79-95 finale) con 25 punti di un incontenibile Dixon, per gara incapace tuttavia di segnare la svolta stagionale: altra, brutta prestazione ad Atene, stavolta contro l'Olympiacos, e 71-62 finale in favore di Spanoulis e soci, con un primo tempo offensivamente disastroso da soli 21 punti segnati per i ragazzi di Obradovic.

Nunnally in crescita

James Nunnally
James Nunnally festeggia con Dixon dopo il successo sul Real Madrid

Presentatosi alla grandissima occasione di lottare per la conquista dell'Europa da MVP di regular season del campionato italiano, ottenuto con la maglia della Scandone Avellino, James Nunnally ha faticato non poco nell'inserirsi inizialmente nel gruppo a disposizione di Obradovic. Impossibile, in un contesto ben diverso da quello vissuto nella passata stagione con Sacripanti in panchina, rappresentare costantemente la punta di diamante offensiva di un attacco turco con tante bocche da fuoco: eppure, dopo le prime 9 giornate di Eurolega a 4,4 punti e 14.9 minuti di impiego in media, il rendimento e lo spazio a disposizione dell'ala nativa di San José sono cresciuti in maniera notevoli, al pari del rendimento del giocatore. Dopo la vittoria di Milano, con soli 2 punti segnati in poco meno di 7 minuti di impiego, ecco i 18 (con 7/9 al tiro e 22 di valutazione) rifilati al Real Madrid, con i primi, veri lampi di talento mostrati al pubblico della Fenerbahçe Ulker Sports Arena: super prova replicata, dopo i 3 punti nel successo sulla Crvena Zvezda e nonostante il K.O. finale, ad Atene, contro il Panathinaikos (8/12 dal campo e 20 di valutazione), alla quale Nunnally ha aggiunto anche gli 11 punti nella vittoria di Mosca contro il CSKA. I 2 punti contro Darussafaka e Olympiacos rappresentano due piccoli incidenti di percorso in cui, più generalmente, è stato il Fenerbahçe intero a deludere: ma dalle magre statistiche di inizio stagione, Nunnally ha portato il suo minutaggio a 2,1 punti e 4 minuti di media giocati in più, con 9,5 punti di media ed un impiego generale di ben 22 minuti nelle ultime 6 gare. Numeri che non possono far altro che influire sulla fiducia di un giocatore che, come ampiamente dimostrato, possiede tanti punti nelle mani e licenza di far male agli avversari.

Torna Bogdanovic

Bogdan Bogdanovic
Bogdanovic tornerà in campo dopo il lungo infortunio alla caviglia patito contro lo Zalgiris

La buona notizia per Obradovic riguarda il rientro di Bogdan Bogdanovic, tornato finalmente a disposizione dopo il lungo stop causato dal trauma distorsivo alla caviglia rimediato nella gara del 26 ottobre scorso contro lo Zalgiris Kaunas. Un'arma in più non da poco, per il Fener, con l'ala serba capace di iniziare già con il botto la stagione di Eurolega: 40 punti in 3 gare contro Brose, Barcellona e Zalgiris stesso (13.3 di media) che hanno lasciato intravedere solo parte del già noto, grande potenziale nelle mani del talento classe '92, da tempo nel mirino dell'NBA e dei Phoenix Suns. Il Fener si presenterà così stasera al completo: e per l'Olimpia, nonostante un Simon recuperato, non sarà certamente una buona notizia. Di fronte all'obbligo di dare segnali di reazione importanti, per una stagione europea sinora certamente deludente.

Share

Vota

Commenta

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Leggi di più.