Play Ball! La MLB al via

Opening Day della Major League Baseball e prima diretta su Fox Sports, sul canale 205: Tampa Bay contro Toronto, con l’azzurro Chris Colabello protagonista con i canadesi

37 condivisioni 1 commento 5 stelle

di

Share

Nel giorno della Milano Marathon, una grande esclusiva di Fox Sports, comincia un’altra maratona, che finirà solo a ottobre: la regular season MLB, il massimo campionato di baseball al mondo. Trenta squadre divise in due leghe, la American League e la National League, 162 partite distribuite nell’arco di circa 180 giorni e si capisce dunque la validità del termine maratona. Capita che una squadra giochi anche 11 partite in altrettanti giorni, anche tutte in casa, perché l’adattamento del calendario alle esigenze dei singoli club richiede una miriade di soluzioni.

Da ottobre, poi, le migliori 5 di ogni lega andranno ai playoff, anche se due di loro usciranno subito, nella partita secca di Wild Card. Le due vincenti di questo primo turno andranno avanti, e le vincenti della American League Championship Series e della National League Championship Series, di fatto le semifinali assolute, si giocheranno la World Series.

La stagione andrà in onda in esclusiva su Fox Sports, con una media di almeno tre incontri alla settimana, tra dirette in italiano e quelle col commento originale. Un grande impegno per garantire sempre il massimo dell’informazione, della chiarezza, della vivacità: il baseball è sport che molti considerano ancora ostico, ma con le spiegazioni anche divertenti dei telecronisti e dei commentatori di Fox Sports è molto più semplice avvicinarsi all’essenza del gioco, e valutare quello che a prima vista può sfuggire. Ovvero, che ogni lancio del pitcher (lanciatore) è importante, perché può essere quello che decide la partita. In situazioni particolari, il baseball è l’unico sport di estrazione americana in cui con un solo gesto tecnico si possa ribaltare la partita o perderla: se una squadra è in svantaggio 5-3 e ha due uomini sulle basi con due eliminati al nono (cioé ultimo) inning, una bella battuta valida può portare al 5-4, al 5-5 o addirittura al 5-6 a seconda del numero di giocatori che riesce a correre di base in base tornando a casa base mentre la difesa cerca di tirarvi la pallina, mentre uno strike (eliminazione al piatto) o un contatto di mazza debole possono portare alla fine della partita. Un solo giro di mazza e quattro potenziali esiti diversi: e badate che commentata e vista, la situazione è molto più semplice che descritta qui.

Comunque sia stato descritto, a seconda delle ere e delle teste, il baseball è uno sport che coniuga agonismo, scenografia - gli stadi sono spesso bellissimi come visuale e sfondo - e passione, e poco importa che le analisi degli spettatori mostrino un lieve aumento dell’età media del pubblico e una minore diversificazione rispetto al passato. Oggi, domenica, al primo “play ball” dell’anno, per Cardinals-Pirates, l’atmosfera era quella di sempre, di sospirato ritorno del baseball competitivo, di ripresa di una dolce attività che farà da ponte fino all’autunno. Perché poi la dolcezza ruvida dell’MGDB, il Meraviglioso Gioco Del Baseball secondo il termine coniato da Faso, sta anche nel suo significato di rinascita: ricomincia con i primi giorni di primavera, scandisce i tempi dell’estate compresi i cosiddetti “dog days of summer” cioé i giorni in cui il destino delle squadre può avere una svolta, e saluta tutti mestamente con i primi freddi, i primi grigi. Anche per la sua solarità può piacere, e su Fox Sports la prima diretta è questa sera alle 22, con Tampa Bay-Toronto, ovvero una squadra che cerca di rilanciarsi contro i canadesi dotati di un potenziale offensivo tremendo, al quale dà un ottimo contributo il “nostro” Chris Colabello. Telecronaca di Danilo Freri e Sal Varriale, ma sentirete anche Pietro Nicolodi, Pietro Colnago, Roberto Gotta e ovviamente il grande Faso.

Share

Vota

Commenta

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Leggi di più.